Dorsalgia E Lombalgia

Cos'è la Dorsalgia


La Dorsalgia è una disfunzione dolorosa del tratto dorsale della colonna, spesso localizzata su una vertebra specifica, spesso più generalizzata.
A livello dorsale abbiamo delle vertebre cardine della nostra colonna che spesso posso essere dolenti in quanto sovraccariche.
Tra le più sollecitate evidenziamo: la quarta vertebra dorsale (D4) che è l'apice del movimento della nostra cervicale, la nona (D9) che è una vertebra interarco, quindi di movimento tra le vertebre superiori e quelle inferiori, la dodicesima (D12) che è importante in quando ci si inseriscono strutture come il muscolo psoas ed il diaframma.

Nel caso di dolori generalizzati a livello dorsale, si consiglia di fare degli esami di supporto come TAC, ecografie addominali, RMN, per analizzare lo stato del tratto dorsalee la presenza di schiacciamenti, ernie o stadi artrosici avanzati.

Importante è indagare le connessioni fasciali e neurologiche tra alcuni visceri ed il tratto dorsale. Dunque una gastrite, una colite, problemi pancreatici ecc… possono portare a dei riferimenti dorsali. Inoltre patologie più gravi a carico di polmoni, cuore ed i suoi vasi possono causare dolori anomali dorsali.

TRATTAMENTI: come intervenire sulle dorsalgie con la fisioterapia

Nei casi di dorsalgia il programma riabilitativo prevede l’intervento con:

  • Tecarterapia, per eliminare le tensioni fasciali dovute a carichi e posture errate e la conseguente infiammazione
  • Esercizi e ginnastica posturale, utilissima per ristabilire un buon equilibrio tra le tensioni fasciali e consentire un ottimo scarico del tratto dorsale, determinando una buona decompressione delle vertebre e dei rispettivi dischi e l’eliminazione del dolore.
  • Trattamento osteopatico, finalizzato a ricercare il perché di un sovraccarico dorsale, area deputata soprattutto alla protezione di organi vitali. Valuta la presenza di disfunzioni meccaniche,viscerali al fine di risalire alla causa della disfunzione, risolverla ed eliminare il dolore evitando possibili peggioramenti.


Cos'è la Lombalgia


LA LOMBALGIA è uno stato doloroso del tratto lombo sacrale, spesso riferito come un appesantimento ed indolenzimento a fascia su tutta la parte inferiore della schiena. è una patologia di cui possono soffrire giovani ed anziani e le cause sono molteplici:

  • artrosi
  • tensioni mio fasciali
  • discopatie
  • posture errate
  • carichi eccessivi
  • disturbi viscerali
  • disfunzioni articolari
  • protrusioni discali

La lombalgia quindi è spesso il campanello d'allarme di un sovraccarico funzionale o di un non buon funzionamento strutturale. Crea fastidio e dolore spesso la mattina, dopo molto che si sta seduti o in piedi fermi e spesso tende a migliorare con il movimento.

E’ una patologia in molti casi invalidante perchè limita l’esecuzione di semplici movimenti della vita quotidiana come: allacciarsi le scarpe, lavarsi i denti ecc. Bisogna intervenire prima che possa evolvere in lombosciatalgia con difficoltà anche nel camminare.

TRATTAMENTI: come curare le lombalgie con la fisioterapia

L’intervento riabilitativo prevede un primo approccio finalizzato a ridurre il dolore con:

  • terapie strumentali: Tecarterapia,laser, per cercare di eliminare lo stato infiammatorio dei muscoli profondi e superficiali della colonna al fine di ridurre ed eliminare il dolore.
  • massoterapia ha la stessa funzione della Tecar, può infatti essere applicata in concomitanza così da avere un maggior effetto decontratturante e rilassante per i tessuti.
  • esercizi e ginnastica posturale per detendere le strutture fasciali superficiali e profonde, cercando di ridare libertà alle strutture articolari e ridare spazio ai dischi intervertebrali così da prevenire eventuali disidratazioni o erniazioni dei dischi.

Una volta migliorata la sintomatologia è importante proseguire la terapia con l’introduzione di:

  • trattamento osteopatico, molto importante perchè oltre a consentire una liberazione articolare del segmento in questione, e l'eliminazione delle tensioni, valuta la presenza di disfunzioni viscerali che possono essere la causa di questi problemi creando variazione delle pressioni intracorporee e quindi tensioni e rigidità.
  • La rieducazione motoria è essenziale al fine di consentire al paziente di prendere coscienza della sua parte del corpo ed insegnargli degli esercizi utili a detendere le tensioni, ridare mobilità articolare e che possono essere ripetuti ogni qual volta si hanno delle ricadute.

Articoli