Craniosinostosi

Cosa sono le craniosinostosi

Le craniosinostosi (o craniostenosi) sono delle deformazioni del cranio dovute a chiusure premature di alcune suture o fontanelle craniche. Bisogna differenziare tra le malformazioni posizionali e le craniosinostosi.

Questo può essere fatto con esami diagnostici come rx, rmn, tac.

Le malformazioni posizionali possono regredire e migliorare senza portare danni funzionali al bambino, mentre le craniosinostosi causano un aumento della pressione intracranica e danni neurologici in quanto il cranio non riesce a svilupparsi adeguatamente.

Le Cause della deformazione del cranio nel neonato

Le cause di queste fusioni premature sono state classificate in non-sindromiche e sindromiche.

Le prime non sono collegate ad alcuna patologia specifica. Gli stessi scienziati non ne conoscono le cause, si pensa ad influenze ambientali o ormonali.

Le seconde sono collegate a patologie specifiche, ve ne elenco alcune:sindrome di Alert, di Pfeiffer, di Crouzon, di Saethre-Chotzen.

La classificazione delle craniosinostosi è la seguente:

  • trigonocefalia,
  • oxicefalia,
  • plagiocefalia,
  • brachicefalia bilaterale,
  • scafocefalia.

 La diagnosi

La diagnosi precoce può essere fatta con uno studio obiettivo del bambino, esami neurologici, esami diagnostici. Purtroppo il rischio di complicanze quali:

  • deformazioni permanenti del cranio,
  • deformazioni permanenti del viso,
  • problemi respiratori, di vista ed udito,
  • problemi neurologici,
  • idrocefalo,

sono piuttosto alte.

Trattamento della Craniosinostosi

Per cercare di ridurre le conseguenze l’unico intervento da effettuare è chirurgico con una riapertura della sutura prematuramente fusa. Ancora si è in discussione su quando effettuare questo intervento e se si necessità di più interventi in quanto si potrebbero presentare delle recidive.


Per un consulto da parte dei nostri specialisti, per Craniosinostosi:

CONATATTACI SUBITO 

Articoli