Linfedema E Bendaggio Elastocompressivo

Che cos'è e come si presenta il linfedema

L’edema linfatico è una patologia piuttosto frequente che colpisce arti superiori ed inferiori.  Il linfedema è caratterizzato da una elevata concentrazione proteica nel comparto extravasale. Questo favorisce il richiamo di liquidi dagli spazi endocapillari generando il gonfiore.

Cause del linfedema

I linfedemi si dividono tra PRIMITIVI E SECONDARI.

I primitivi non presentano una causa definita, hanno quindi una eziologia ignota ma spesso legata a fattori genetici/familiari.

I secondari sono invece legati ad una lesione organica linfatica. Queste lesioni o alterazioni del sistema linfatico sono dovute a : neoplasie infiltrative, chemio e radioterapia, infezioni, traumi, obesità, interventi chirurgici.

I sintomi dell'Edema Linfatico

I sintomi sono legati ad un rigonfiamento dell’arto spesso accompagnato da rossore, prurito e distensione della pelle.
Il linfedema colpisce generalmente un solo arto. Questo ci consente di differenziarlo dai gonfiori legati a:
-insufficienza epatica
-insufficienza renale
-insufficienza cardiaca
che coinvolge entrambe gli arti.

La terapia per il linfedema: linfodrenaggio e bendaggio elastocompressivo

La terapia prevede l’intervento con metodo manuale di Linfodrenaggio che consente di svuotare i linfonodi e favorire il drenaggio del liquido.

Oltre al massaggio drenante, per prolungare l'azione ed aumentare l'efficacia si può intervenire conun bendaggio elastocompressivo.

Cos'è e come viene realizzato il bendaggio elastocompressivo

Il bendaggio elastocompressivo viene effettuato partendo dalle teste metatarsali fino al ginocchio (cavo proporrò), se non fino all’inguine.

Questo eviterà l’aumento dell’edema grazie alla pressione applicata e favorirà una compressione delle strutture muscolari facilitando il ritorno venoso.

Gli effetti del bendaggio sul linfedema

Gli effetti di un bendaggio sono:

  • riduzione del calibro venoso,
  • facilitazione del lavoro valvolare venoso,
  • miglioramento del circolo linfatico,
  • riducezione gli edemi.

Gli effetti del bendaggio sul linfedema

Il linfedema è caratterizzato, da un punto di vista chimico fisico, oltre che dalla componente fluida, anche da una elevata componente proteica.

Queste macromolecole proteiche cronicizzano l’edema rendendone difficile l’eliminazione.


Diversi studi* hanno dimostrato come il bendaggio sia essenziale per favorire il drenaggio della componente proteica.
*(Leduc A., Leduc O, Association of several therapeutic modalities in the testamento edema, Abstr. XXI Eur. Congr. of Lymph., Roma 96; the Si è. J.of lymph, sp. Co.1, Vol 6, 14, 1996)

 Il bendaggio non deve essere doloroso. Quindi se il bendaggio risulta doloroso, si consiglia di contattare il centro o l'operatore che lo ha eseguito.

 

Gli effetti collaterali all'uso del bendaggio elastocompressivo per il linfedema sono:

  • dolore
  • ischemizzazione
  • allergie cutanee
  • decubiti
  • infezioni
  • arteriopatie
  • lesioni neoplastiche.

Si consiglia dunque, per l'esecuzione di questa tecnica, di affidarsi ad un centro fidato, con operatori specializzati.

 

Stai cercando un centro di Fisioterapia a Roma per Linfedema e Bendaggio elastocompressivo?

Contattarci per un primo appuntamento o un consulto gratuito:
Info@osteokinesis.it
06 97602818

Articoli