Protesi Anca Mininvasiva

Cos’è e quando è necessario un intervento con inserimento di protesi dell’anca

La protesi d'anca è uno degli interventi più diffusi che diventa necessaria quando lo stato di degenerazione dell’articolazione coxo-femorale diventa invalidante. Questo accade, oltre che nei casi di traumi con fratture della testa o collo del femore, anche nei casi di traumi ripetuti, displasia dell’anca. Questi causano una progressiva degenerazione dell’articolazione con il generarsi di una progressiva coxartrosi. Non c'è un limite di età, la degenerazione può colpire soggetti giovani ed anziani.

Tipologie di protesi d'anca

Fino a poco tempo fa si sono usate principalmente protesi a stelo lungo, cementate e non cementate.

Ad oggi si punta ad usare protesi più piccole così da preservare il più possibile la componente ossea e consentire una maggiore stabilità della protesi. Queste ultime sono fatte in titanio, con testa in ceramica e sede di alloggiamento in ceramica e polietilene.

Ovviamente la variabilità nell’uso della protesi può dipendere da età, stato dell’osso, via di accesso, campo operatorio.

 

Vie d'accesso all'anca

Le vie di accesso che hanno preso maggiormente piede erano quelle posteriori e posteri laterali. Sicuramente più semplici, ma che implicavano il disinserimento e rifissaggio di diverse strutture muscolari. Questo causava una maggiore perdita ematica e dei tempi di recupero muscolare piuttosto lunghi e non senza problemi.

Accesso anteriore per la protesi dell’anca

La VIA ANTERIORE, che in realtà esiste da molto tempo ma non fu sviluppata, sta prendendo sempre più piede. È sicuramente una metodica più complicata per lo specialista ma presenta diversi vantaggi.

VANTAGGI ACCESSO ANTERIORE

Andiamo ad elencare i vantaggi:

  • cicatrice ridotta a 7-8 cm rispetto ai 15 degli altri accessi,
  • dolore nettamente ridotto nella fase post operatoria,
  • assenza di complicanze muscolari,
  • rapida ripresa della vita quotidiana,
  • riduzione del rischio di lussazione post operatoria,
  • lunga durata delle protesi.
SVANTAGGI
  • rischio di compromettere il nervo cutaneo laterale della coscia con area di anestesia,
  • la tecnica potrebbe essere evitata nei casi di obesità o eccessiva massa muscolare.

Riabilitazione post-operatoria per protesi anca mininvasiva

La protesi ha un tempo più o meno variabile di vita. Questo può dipendere anche da che attività andiamo a praticarci sopra.

Gli sport sconsigliati sono tutti quelli reputati ad alto impatto come:

  • calcio,
  • tennis,
  • atletica,
  • basket,
  • climbing,
  • hockey,
  • aerobica.

Tra gli sport consigliati troviamo:

  • sci di fondo e discese semplici,
  • golf,
  • camminata,
  • cyclette e bici,
  • canottaggio,
  • nuoto,
  • ballo da sala.

Descrizione di un caso di riabilitazione post-operatoria per protesi d'anca

VI parliamo di Barbara, una ragazza di 48 anni che ha dovuto operarsi ambo le anche. La prima circa 4 anni fa con un accesso postero laterale.

L’intervento andò benissimo ed iniziò subito la terapia con noi.

La cicatrice appariva ispessita e dolente. All’inizio gli esercizi di rinforzo erano molto faticosi, la progressione fu molto graduale, ma si evidenziò subito una limitazione nel tirare su la gamba tesa e molta fatica nel portarla lateralmente.

Barbara riprese la sua vita quotidiana e tornò a fare cyclette e yoga ma mantenne quelle limitazioni.

La seconda anca venne operata con accesso anteriore e l’inserimento di una miniprotesi. La cicatrice, nettamente più piccola, non le portò dolenzie. Riuscì ad effettuare da subito tutti gli esercizi di rinforzo, ovviamente in modo graduale. Abbandonò dopo due mesi ambo le stampelle, ma per sua sicurezza e tornò rapidamente alla vita quotidiana.

Stai cercando un centro di riabilitazione post-operatoria per protesi d'anca?

CONATATTACI SUBITO 

Articoli