Epicondilite

Che cos'è e come si presenta l'Epicondilite o Gomito del tennista

L'epicondilite è uno stato infiammatorio dei tendini dei muscoli estensori del polso e della mano che porta ad una patologia degenerativa infiammatoria del punto di giunzione osteo-tendineo.

Cause dell'Epicondilite

È una patologia spesso frequente negli sportivi praticanti tennis e golf a causa della costante messa in tensione di questi tendini e dei contraccolpi che ricevono quando si colpisce la pallina. Per questo è anche detta "gomito del tennista".
Può però colpire anche chi svolge mansioni come il muratore, il pittore, chi lavora molto al computer.

Tipicamente insorge in soggetti di età compresa tra i 30 e 50 anni, essendo considerata una “over-use syndrome”, cioè una patologia la cui causa è riconducibile a sollecitazioni eccessive con un fisiologico logoramento involutivo delle strutture tendino-inserzionali.

Sintomi: come si presenta dell'Epicondilite

La sintomatologia è caratterizzata da dolore nella parte esterna del gomito con elevata sensibilizzazione della parte ossea spesso alleviabile con una forte pressione.
Il dolore è all'inizio molto lieve, ma può diffondersi lungo il decorso dei muscoli dell’avambraccio.
Questo dolore può essere anche invalidante in quanto può portare a una riduzione della forza nell'afferrare gli oggetti o nel girare la chiave di una serratura o il tappo di una bottiglietta.

Trattamenti fisioterapici: come curare l'Epicondilite

L'epicondilite rientra nel gruppo delle tendinopatie, quindi è una patologia difficile da far guarire in breve tempo e presenta comunque un decorso non breve.

Il programma riabilitativo prevede l’intervento con:

Importante è osservare un periodo di stop dalla attività, soprattutto se sportiva e dare tempo alla struttura di riequilibrarsi e ritrovare il suo stato di salute.

Articoli