Linfedema cause e trattamenti

Cos'è il linfedema, le cause e come si cura

Il Linfedema è una malattia del sistema linfatico caratterizzata da un rallentamento o blocco della circolazione della linfa.

Questa si addensa negli interstizi e l'aumento della percentuale di componente proteica porta l'arto a diventare sempre più gonfio e duro.

Il Linfedema può colpire uno o più arti e causa:

  • dolore
  • deficit funzionale
  • cambio di colore, consistenza e temperatura della cute.

 

Cause del linfedema

Le cause del linfedema possono essere di diversa natura ed è proprio in base a queste diverse cause che i linfedemi si suddividono in:

  • linfedema primario,
  • linfedema secondario.

I Primari sono legati a fattori congeniti o di familiarità. Questi sono dovuti ad una displasia dei dotti linfatici o dei linfonodi. Possono presentarsi sin dalla nascita, altrimenti vengono classificati precoci o tardivi in base all'età del paziente in cui si presentano: se si presentano prima o dopo i 25 anni.

I Secondari sono legati a fattori esterni che causano una ostruzione dei dotti linfatici o un eccessivo carico linfatico o una asportazione dei linfonodi. Pensiamo dunque a infiammazioni, infezioni, interventi chirurgici, terapie farmacologiche o radioterapie.

Il Linfedema presenta 4 stadi di evoluzione (detta stadiazione) che dipendono dal tipo e dalla consistenza dell'edema e dalla evoluzione della malattia. Andiamo quindi da casi in cui l'edema non è ancora evidenziabile, ma risulta una positività agli esami diagnostici, a stadi di elefantiasi.

 

Come viene diagnosticato il linfedema

La diagnosi viene fatta attraverso esami specifici come:

  • linfoscintigrafia
  • ecografia
  • linfangio RM
  • eco colore doppler
  • linfografia

 

Il trattamento: come si cura il linfedema

Nei casi di linfedemi la cura può essere di tipo conservativo o chirurgica.

La via conservativa prevede l'intervento con:

Si possono anche utilizzare terapie fisiche come:

 

Il linfodrenaggio

Il linfodrenaggio è la metodica d'elezione per favorire il processo di riassorbimento della linfa.

Esistono varie metodiche, ma tutte si basano su alcuni principi:

  • apertura delle stazioni linfonodali
  • manovre di drenaggio.

Tutti i movimenti devono essere fatti in maniera lenta e delicata per riuscire a smuovere la linfa.

Una pressione eccessiva, come nel normale massaggio muscolare, avrebbe una azione inibente sul sistema linfatico, senza portare a risultati e rischiando di creare stadi infiammatori.

Prima di effettuare una seduta di linfodrenaggio è sempre meglio avere una prescrizione dell'angiologo e rivolgersi a fisioterapisti specializzati.



Per un consulto da parte dei nostri specialisti, per trattamenti di Fisioterapia a Roma:

CONTATTACI SUBITO 

Iscriviti alla newsletter

Subito per te sconti, news e contenuti in anteprima

Orari

  • Lunedì-Venerdì 09:00 - 20:00
  • Sabato 09:00 - 13:00
  • Domenica Chiuso

Convenzioni

Crossfit Talenti
Runcard
Generali
Aon Hewitt
Mapfre
Consorzio Mu.Sa.
Fimiv
Mutua nuova sanità
Coop salute
Previmedical
Crossfit Talenti
Generali Italia
Easy Welfare
Fasdac
Health Assistance
My Assistance
Edenred
Vis Card
Axa